News

27/04/2022

Bocciatura atti aziendali, dura la Cgil Fvg: «Sanità all’impasse» 

«Siamo di fronte a una situazione senza precedenti, con il rischio concreto di una rovinosa impasse nella programmazione sanitaria, nelle strategie di rilancio delle assunzioni che vanno urgentemente messe in campo, anche per ridurre i tempi di attesa, nell’attuazione degli obiettivi di innovazione e rafforzamento dei servizi territoriali che sono alla base del Pnrr. Obiettivi evidentemente disattesi, come conferma, pur nel suo linguaggio burocratico, la nota della Direzione centrale della Salute». Rossana Giacaz, responsabile sanità e welfare della segreteria Cgil Fvg, sintetizza così lo scenario apertosi per la sanità regionale con la mancata approvazione degli atti aziendali. «Veder confermate le nostre critiche – prosegue – non è motivo di soddisfazione, ma rafforza semmai il nostro sconcerto per l’ostinazione con cui si è scelto di procedere nella direzione sbagliata, nonostante i pesanti rilievi di merito avanzati da più parti. Non soltanto dal sindacato, lo sottolineo, ma anche da parte dei referenti di molti servizi e di diverse rappresentanze delle professioni sanitarie. Dopo questa bocciatura a 360 gradi, è lecito chiedersi quali siano gli obiettivi di programmazione che l’assessore Riccardi ha illustrato ai sindaci territorio per territorio, se gli atti che dovevano recepirli sono stati giudicati incompatibili. Serve un cambio di rotta radicale, anche nel confronto con il sindacato e con tutte le parti in causa, e lo ribadiremo domani al presidente del Consiglio regionale, spiegando le ragioni della petizione sulla sanità sostenuta da 15mila firmatari e che vede anche la Cgil tra i suoi promotori».

Rassegna Stampa

26/05/2022

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 217 KB ]
vai all'archivio