News

18/09/2020

Ghiselli (Cgil): «Nell’emergenza misure importanti, il Governo continui ad ascoltarci»

Bene la fase difensiva, ma il Paese adesso ha bisogno di un cambio di marcia anche sulle politiche industriali, per avviare una nuova fase, quella della ripresa. Questo l’appello lanciato dal segretario confederale della Cgil Roberto Ghiselli, oggi a Trieste per un attivo regionale unitario dei delegati Cgil-Cisl-Uil del Friuli Venezia Giulia, organizzato nell’ambito della mobilitazione nazionale “Ripartire dal lavoro”. «L’iniziativa unitaria e responsabile del sindacato – ha detto Ghiselli dal palco del Molo IV – ha indotto il Governo ad ascoltarci e in Italia siamo stati in grado di dare ai lavoratori delle protezioni importanti durante l’emergenza sanitaria, garantendo il sostegno al reddito, il blocco dei licenziamenti e i protocolli sulla sicurezza». Per la ripresa, però, serve di più. «Servono investimenti per creare lavoro – ha aggiunto Ghiselli – e un nuovo modello di sviluppo: temi sui quali il Governo deve continuare ad ascoltare il sindacato. Segnali importanti stanno arrivando, parlare di politiche industriali o di ruolo dello Stato in economia non è più un peccato, ma è necessario trovare la forma per condividere obiettivi, priorità e sinergie, guardando anche alle condizioni sociali del Paese. È questa la sfida che il sindacato propone al governo, e il nuovo contesto europeo ci sta aiutando», ha sottolineato Ghiselli, pensando innanzitutto a strumenti come il Recovery Fund e il Mes.
Il rappresentante della segreteria nazionale Cgil, naturalmente, ha parlato anche di scuola, «che sta riaprendo in presenza – ha detto – grazie in primis all’impegno di tutto il personale scolastico». Sia pure «in una situazione differenziata e in mezzo a innumerevoli difficoltà», ha aggiunto, «non vi è dubbio che abbiamo fatto bene in questi mesi a sollecitare il Governo nel procedere sulla strada delle assunzioni e degli investimenti». Scelta che il sindacato chiede di confermare e rafforzare, e a questo punta la giornata di mobilitazione indetta per il 26 settembre dai sindacati della scuola: «Mobilitazione che sosterremo anche come confederazioni – ha concluso Ghiselli – affinché rimanga alta l’attenzione su questo patrimonio fondamentale per lo sviluppo civile ed economico del Paese».

Rassegna Stampa

20/10/2020

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 144 KB ]
vai all'archivio