News

08/07/2020

Necrologi nelle sedi, solidarietà Cgil all’Inps: «Lavoratori e lavoratrici encomiabili»

«Un attacco inaccettabile che non colpisce soltanto l’Inps come istituzione, ma anche tutti i suoi lavoratori e l’impegno che hanno profuso per contrastare gli effetti di una crisi senza precedenti». La segretaria generale della Funzione pubblica Cgil Orietta Olivo esprime con queste parole la condanna contro la campagna denigratoria scatenata a livello nazionale da Casapound contro l’istituto. «Troviamo non solo di pessimo gusto i necrologi – commenta ancora Olivo – ma anche del tutto sbagliato il bersaglio. Un conto infatti è denunciare i tempi lunghi della cassa integrazione, come ha fatto più volte anche il sindacato, un conto scatenare campagne populiste senza tenere conto dell’enorme volume di pratiche gestite dall’istituto. Da gennaio a maggio sono state autorizzate 1,7 miliardi di ore di cig a livello nazionale e 43 milioni a livello regionale, volumi che in cinque mesi superano già del 50% i picchi storici mai raggiunti in Italia e in Fvg. Si pensi che sulla sola cassa in deroga, in regione, sono state presentate 13mila domande, l’80% delle quali è stato gestito entro 5 i giorni: ne restano da lavorare appena 500, peraltro arrivate di recente. A questo si aggiungano i milioni di pratiche affidate all’istituto e legate alle misure straordinarie introdotte per far fronte all’emergenza, dai vari bonus all’estensione dei congedi parentali».
Gli errori di comunicazione del Governo e dell’istituto, secondo Olivo, non bastano a giustificare una campagna che la segretaria della Fp-Cgil giudica populista sia nei modi che nei contenuti. «Ha sicuramente sbagliato – dichiara – chi si è sbilanciato promettendo tempi brevissimi per l’erogazione di tutti gli interventi, compresi quelli come la cassa in deroga e il Fis, caratterizzati da pratiche molto complesse e che richiedono il concorso di molti soggetti, con un elevato rischio di errori e di lacune prima che l’iter approdi all’Inps. Questi attacchi, però, sono populisti, perché non puntano al merito, non riconoscono dati di fatto oggettivi come la grande mole delle misure messe in campo e l’impegno di chi lavora all’Inps. Anzi, rischiano di convogliare malesseri del tutto ingiustificati verso i lavoratori e le lavoratrici dell’istituto, che in questi mesi, pur operando a distanza, hanno continuato a lavorare a tempo pieno e spesso fuori orario per star dietro a una richiesta di interventi e prestazioni senza precedenti».

Rassegna Stampa

20/10/2020

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 144 KB ]
vai all'archivio