News

12/10/2019

Landini da Pordenone: ridurre le tasse su lavoro e pensioni

Non solo quota 100, ma l’intera questione delle modifiche alla Fornero. La detassazione degli aumenti salariali e il rinnovo dei contratti pubblici. La rivalutazione delle pensioni, anche attraverso l’estensione della quattordicesima, la lotta all’evasione fiscale. Queste le grandi priorità che la Cgil chiede al Governo di affrontare, «non solo con la nuova legge Finanziaria, ma anche con un disegno chiaro sulle linee delle leggi di bilancio dei prossimi tre anni», come ha spiegato il segretario generale Maurizio Landini, intervenuto oggi al centenario della Camera del lavoro di Pordenone. «La grande priorità – ha dichiarato – è di ridurre la tassazione sul lavoro per aumentare i salari reali. Le risorse per farlo ci sono, a partire dall’impegno a ridurre i 109 miliardi di evasione fiscale, di cui 35 solo di iva».
Al centro del tavolo con il Governo, naturalmente, anche il grande tema delle politiche industriali. Landini, in attesa dell’incontro convocato dal ministero per il prossimo 18 ottobre, valuta positivamente alcuni segnali del Governo, come l’apertura del tavolo sul contrasto agli infortuni sul lavoro (una strage che ha mietuto 17 mila vittime negli ultimi 12 anni): «È fondamentale adesso far ripartire l’economia, attraverso una strategia di politica industriale e facendo partire i cantieri sulle grandi opere: ce ne sono fermi 70-80, importanti non solo per dare lavoro ma perché riguardano strade, ferrovie, infrastrutture sociali come asili, scuole e ospedali. Altrettanto fondamentale è ragionare su come favorire la riconversione del nostro sistema industriale verso produzioni a elevato contenuto tecnologico e basso impatto ambientale».
Quanto al fronte dei contratti, la Cgil rivendica azioni concrete del Governo non solo sul rinnovo dei contratti pubblici, che coinvolge oltre 3 milioni di lavoratori, ma anche sulla detassazione degli scatti salariali dei prossimi rinnovi dei contratti privati, la cui platea sfiora i 10 milioni di persone. Sul tavolo, naturalmente, anche il nodo degli ammortizzatori sociali, che per il segretario generale vanno potenziati «per evitare che questa nuova fase di rallentamento economico produca un’ondata di licenziamenti».

Rassegna Stampa

18/11/2019

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 80 KB ]
vai all'archivio