News

02/10/2019

Immigrati sui bus, il delegato Filt: «Parole sbagliate che sono state strumentalizzate»

«L’intento era quello di sollevare un problema di salute e sicurezza che ci è stato più volte posto dai lavoratori, e che era nostro compito porre alle autorità competenti. Farlo era nostro dovere, ma abbiamo usato parole e toni sbagliati, che hanno favorito strumentalizzazioni da parte di chi, più che a gestire in modo efficace ed eticamente responsabile i flussi migratori, continua a cavalcare questo fenomeno epocale con obiettivi di consenso politico ed elettorale». È quanto scrive il delegato Filt-Cgil della Trieste Trasporti Stefano Mauro in una lettera indirizzata alle segreterie provinciali e regionali della categoria e della Cgil, nella quale torna sui temi al centro del recente incontro tra le rappresentanze sindacali aziendali, le autorità di sicurezza e gli amministratori locali e regionali, sollecitati dal sindacato a potenziare e a rendere più sicure le modalità di accoglienza e di trasporto per i profughi che giungono in Italia e a Trieste attraverso la rotta balcanica.
Il delegato, da tempo iscritto e impegnato in Cgil, afferma di riconoscersi «nel giudizio e nelle posizioni da sempre espresse in materia di immigrazione da questo sindacato, che giustamente mette al primo posto l’esigenza non solo politica, ma anche morale e umanitaria, dell’accoglienza». Da qui il rammarico di Mauro per avere dato adito a «generalizzazioni che non corrispondono né alla linea della Cgil né alle mie intime convinzioni sul tema dell’immigrazione e dell’accoglienza».

Rassegna Stampa

18/10/2019

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 122 KB ]
vai all'archivio