News

11/07/2019

«Più lavoro che operai? Per tanti disoccupati un posto resta un miraggio»

«Quello della carenza di professionalità e specializzazioni nel manifatturiero è sicuramente un problema sempre più diffuso e che nasce da molti fattori, non ultime le carenze del nostro sistema dell’istruzione e della formazione e l’inefficienza del collocamento pubblico. Non vorremmo però che passasse un messaggio sbagliato, che c’è il lavoro ma non i lavoratori, perché sono migliaia, anche in Fvg, le persone che hanno perso il lavoro e che non hanno una concreta opportunità di ricollocamento, né come operai né in altri settori». Il numero uno della Cgil Friuli Venezia Giulia replica così alle parole dell’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono, che ha sollevato il problema della carenza di operai per far fronte al fabbisogno di lavoro del comparto cantieristico. «Non so – prosegue Pezzetta – se siamo davvero davanti a una fuga dei giovani dal lavoro operaio, come sostiene Bono. L’amministratore delegato di Fincantieri e tutta la classe imprenditoriale, in ogni caso, dovrebbero chiedersi se questo non sia anche l’effetto della precarizzazione del lavoro e di una dinamica salariale che ha pesantemente pagato dazio, oltre che alla crisi, alla progressiva frammentazione del ciclo produttivo attraverso un ricorso spinto ad esternalizzazioni e subappalti, dinamica di cui la stessa cantieristica è una delle più evidenti espressioni».

LE DICHIARAZIONI DI GIUSEPPE BONO (vedi Rassegna stampa Cgil Fvg di oggi)

Rassegna Stampa

16/07/2019

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 87 KB ]
vai all'archivio