News

21/05/2019

Scuola, no alle ingerenze della politica: i sindacati dal Prefetto di Trieste

Garantire il pluralismo. Difendere le prerogative professionali degli insegnanti e di tutti i lavoratori della scuola. Tutelare le libertà fondamentali alla base della nostra democrazia costituzionale. Rivendicare l’istituzione di un organismo indipendente con il compito di valutare il corretto esercizio della libertà di insegnamento e di tutelare l'autonomia professionale individuale e collegiale. Affermare i valori che devono essere gelosamente custoditi e difesi dalla nostra Scuola in tutto il Paese: sono queste le richieste al centro della campagna di mobilitazione avviata dai sindacati della scuola dopo il caso che ha coinvolto l’insegnante palermitana Rosa Maria Dell’Aria, sospesa in seguito alla presentazione, da parte dei suoi studenti, di un lavoro che tracciava un parallelo tra le leggi razziali del 1938 e il decreto sicurezza del ministro Salvini. Gli hashtag della campagna, #liberidinsegnare e #liberidimparare, possono essere condivisi e rilanciati da insegnanti, studenti, cittadini per raccontare le proprie esperienze e per ribadire l’importanza di un’istruzione senza censure e condizionamenti. Questi i valori al centro del documento che i segreteria regionali di Flc-Cgil, Cisl e Uil Scuola, Snals e Gilda consegneranno venerdì 24 maggio al prefetto di Trieste, nel corso di un incontro previsto nella tardfa mattinata e preceduto da una conferenza stampa convocata alle 11.30 nella sede dell’istituto Carli, di via Diaz 20.
«Invitiamo tutto il personale docente, gli Ata, i dirigenti e le Rsu – si legge in un appello unitario firmato dai segretari regionali Adriano Zonta (Flc-Cgil), Donato Lamorte (Cisl-Scuola), Ugo Previti (Uil Scuola), Giovanni Zanuttini (Snals) e Massimo Vascotto (Gilda) – a farsi parte attiva per far crescere il livello complessivo di attenzione e di consapevolezza sui temi al centro di questa campagna. In tutte le iniziative attivate – aggiungono i segretari – proseguirà inoltre la raccolta di adesioni all’appello contro la regionalizzazione del sistema di istruzione, possibile anche on-line».

Rassegna Stampa

14/06/2019

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 125 KB ]
vai all'archivio