News

09/09/2017

Vaccinazioni, favorire lo scambio di informazioni tra scuole e Aas

Un accordo che preveda lo scambio d’informazioni tra ufficio scolastico regionale e aziende sanitarie in merito all’adempimento degli obblighi vaccinali, per evitare ai genitori gli oneri e lo stress delle certificazioni, alleggerendo nel contempo i carichi di lavoro delle segreterie scolastiche e delle aziende sanitarie. Questa la proposta che la Flc, il sindacato scuola della Cgil, lancia agli assessorati all’Istruzione e alla Salute del Friuli Venezia Giulia.
A formalizzarla, in una lettera inviata agli assessori Panariti e Telesca, il segretario regionale della Flc Adriano Zonta, che già nei giorni scorsi aveva segnalato all’amministrazione regionale le crescente difficoltà degli istituti scolastici di fronte agli adempimenti connessi alle nuove norme in materia di vaccinazioni obbligatorie. «Adempimenti che stanno procurando alle scuole – scrive Zonta – carichi di lavoro non indifferenti, dato anche la concomitanza con le incombenze legate all’inizio dell’anno scolastico». Da qui la proposta di un accordo che, «sull’esempio di quanto fatto in altre regioni, preveda da una parte l’invio degli elenchi degli iscritti da parte delle scuole, dall’altra semplici controlli da parte delle aziende sanitarie, senza passare attraverso il rilascio di certificazioni da parte di queste ultime o di autocertificazioni delle famiglie». Tutto questo, per Zonta, contribuirebbe anche ad evitare duplicazioni di controlli e di pratiche burocratiche da protocollare, dal momento che molto spesso sono le stesse famiglie a rivolgersi alle aziende sanitarie soltanto per verificare la loro situazione rispetto agli obblighi vaccinali.
Ad avvantaggiarsene sarebbero anche le famiglie, che nell’attuale situazione devono fare i conti anche con le diverse prassi operative adottate dalle singole aziende sanitarie: «Solo alcune rilasciano certificati, solo alcune forniscono informazioni telefoniche sulla situazione vaccinale dei bambini, il che non crea soltanto disorientamento tra i genitori, ma rende anche più difficili le pratiche per le segreterie scolastiche». Ecco perché la Flc-Cgil sollecita i due assessorati competenti a «verificare con urgenza lo stato dell’arte e a fare tutto quanto possibile per accelerare le pratiche e renderle meno gravose per le scuole, per l’amministrazione sanitarie e per le famiglie».

Rassegna Stampa

17/11/2017

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 128 KB ]
vai all'archivio