News

04/07/2017

Consorzi industriali, occasione persa

Dieci consorzi industriali in partenza, Ezit compreso, dieci a più di due anni dall’approvazione della legge Rilancimpresa. Che prevedeva diverse ipotesi di fusione fra i nove consorzi operanti nelle province di Udine, Gorizia e Pordenone, fissando un termine di 24 mesi per il loro completamento. Termine ampiamente scaduto senza che nessuna delle fusioni previste sia divenuta operativa, se non quella tra Ziac e Ziu, resa obbligata dalla liquidazione della Zona industriale Aussa Corno, peraltro ancora non conclusa.
A tracciare il quadro, dopo l’iniezione di 6 milioni decisa dalla Regione in assestamento di bilancio, è la Cgil del Friuli Venezia Giulia, con il suo segretario generale Villiam Pezzetta, che non esita a giudicare «deludente», il bilancio della razionalizzazione. «Se confrontiamo la situazione attuale con gli obiettivi programmatici di Rilancimpresa, dobbiamo prendere atto che la montagna ha partorito il topolino», commenta il segretario. «Se e quando verranno portate a termine le fusioni già deliberate – prosegue Pezzetta – ci troveremo infatti nell’ipotesi meno ambiziosa tra i vari possibili assetti finali previsti dalla legge, con il passaggio da 9 a 6 consorzi, 7 con l’Ezit, e senza alcun accorpamento strategico tra i due consorzi isontini, dopo il dietrofront di Gorizia al matrimonio con Monfalcone, né tra questi e l’Aussa Corno. Salta anche l’obiettivo di un consorzio unico per Pordenone, sebbene l’avvio della fusione tra la Zipr di San Vito e lo Csi di Spilimbergo possa consentire di centrare l’obiettivo minimo di due consorzi nella Destra Tagliamento».
Il flop, per Pezzetta, non sta tanto nei numeri, quando nell’incapacità di cogliere le potenzialità strategiche della riforma. «In particolare – spiega il segretario della Cgil – si rinvia a oltranza la costruzione di una regia unica per Ziu, Aussa Corno, Monfalcone e Gorizia, che avrebbe consentito, anche attraverso la collaborazione con l’Autorità portuale di sistema, il nuovo Ezit e coinvolgendo l’interporto di Cervignano, di creare una rete tra consorzi, porti e sistema retroportuale veramente strategica per le prospettive di sviluppo di questa regione. Invece di ragionare in grande, anche attraverso un forte dialogo tra enti locali e forze economiche, si sono preferite logiche di piccolo cabotaggio e di conservazione dell’esistente. E rischiamo di perdere l’ennesima occasione importante, perché è fuori discussione che il rilancio della nostra industria dipenda dal grado di attrattività, dell’ottimizzazione delle infrastrutture e della rete di servizi che i consorzi e il nostro territorio in genere sapranno offrire».

Rassegna Stampa

20/07/2017

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 106 KB ]
vai all'archivio